Il trattamento delle patologie dell’anca in pazienti giovani e attivi rappresenta una difficile scelta, prevalentemente a causa dei risultati non soddisfacenti a lungo termine che si ottengono con le sostituzioni protesiche totali. I risultati dell’artroplastica convenzionale dell’anca sono infatti molto positivi nei pazienti anziani, mentre nei pazienti giovani non sono altrettanto soddisfacenti. Questi scarsi risultati clinici dipendono dall’elevata attività funzionale dei pazienti giovani che determina un’elevata usura dei materiali con conseguente aumento dei fallimenti per mobilizzazione dell’impianto protesico. Per migliorare i risultati funzionali e la durata delle artroprotesi d’anca nei pazienti giovani e/o attivi sono state riproposte, dopo essere state abbandonate negli anni 80 per l’alta percentuale di fallimenti le protesi di rivestimento. La nostra esperienza con l’impiego della protesi di rivestimento BHR consta di 350 casi. La sopravvivenza media dell’impianto ad un follow-up medio di 20 mesi è del 98,8%. Sulla base degli ottimi risultati ottentui con l’impiego di questa metodica e dai dati pubblicati in letteratura, si può oggi affermare che che la protesi di rivestimento dell’anca è un intervento che rappresenta il trattamento di scelta nei pazienti giovani e/o attivi con patologie invalidanti dell'anca.

La protesi di rivestimento Birmingham hip resurfacing: la casistica in oltre 350 casi.

MORONI , ANTONIO;
2006

Abstract

Il trattamento delle patologie dell’anca in pazienti giovani e attivi rappresenta una difficile scelta, prevalentemente a causa dei risultati non soddisfacenti a lungo termine che si ottengono con le sostituzioni protesiche totali. I risultati dell’artroplastica convenzionale dell’anca sono infatti molto positivi nei pazienti anziani, mentre nei pazienti giovani non sono altrettanto soddisfacenti. Questi scarsi risultati clinici dipendono dall’elevata attività funzionale dei pazienti giovani che determina un’elevata usura dei materiali con conseguente aumento dei fallimenti per mobilizzazione dell’impianto protesico. Per migliorare i risultati funzionali e la durata delle artroprotesi d’anca nei pazienti giovani e/o attivi sono state riproposte, dopo essere state abbandonate negli anni 80 per l’alta percentuale di fallimenti le protesi di rivestimento. La nostra esperienza con l’impiego della protesi di rivestimento BHR consta di 350 casi. La sopravvivenza media dell’impianto ad un follow-up medio di 20 mesi è del 98,8%. Sulla base degli ottimi risultati ottentui con l’impiego di questa metodica e dai dati pubblicati in letteratura, si può oggi affermare che che la protesi di rivestimento dell’anca è un intervento che rappresenta il trattamento di scelta nei pazienti giovani e/o attivi con patologie invalidanti dell'anca.
protesi di rivestimento; anca; sopravvivenza; risultati clinici
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11768/2480
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact